psicologo
studio di psicologia

Disturbo di personalità

In base alla definizione del DSM, un disturbo di personalità "rappresenta un modello di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della cultura dell’individuo, è pervasivo e inflessibile, esordisce nell’adolescenza o nella prima età adulta, è stabile nel tempo e determina disagio o menomazione".

Le persone con disturbo della personalità presentano un quadro di caratteristiche piuttosto esteso e stabile, un “modo di sentire e di essere” che risulta fonte di disagio per la persona stessa o per gli altri.

Si riconoscono diverse tipologie di Disturbo, in base alle modalità di comportamento:

  • Il Disturbo Paranoide, caratterizzato da sfiducia, diffidenza e sospettosità eccessive
  • Il Disturbo Schizoide, denotato da distacco nelle relazioni, isolamento e coartazione emotiva
  • Il Disturbo Schizotipico, in cui vi è forte disagio nelle relazioni interpersonali e un modo di pensare e comportarsi piuttosto eccentrico
  • Il Disturbo Antisociale, in cui la persona fatica ad osservare e rispettare le norme ed i diritti degli altri
  • Il Disturbo Borderline, che presenta forte instabilità nelle relazioni interpersonali e marcata impulsività
  • Il Disturbo Istrionico, denotato da una forte emotività e da eccessiva ricerca di attenzioni
  • IlDisturbo Narcisistico, caratterizzato da atteggiamenti di grandiosità, necessità di ammirazione, mancanza di empatia
  • Il Disturbo Evitante, in cui la persona è fortemente inibita, si sente inadeguata ed è ipersensibile ai giudizi negativi
  • Il Disturbo Dipendente, dove il soggetto presenta una eccessiva necessità di essere accudito, incapacità di fare le cose da solo, sottomissione e timore della separazione
  • Il Disturbo Ossessivo-compulsivo, in cui si ravvisa una abnorme preoccupazione per l’ordine, il perfezionismo, il controllo, al punto di eccedere in rigidità
Share by: